uomosasso_immagine guida

MOIRA RICCI. CAPITALE TERRENO

MOSTRE

a cura di Emanuela De Cecco

Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2, Milano

 

inaugurazione: martedì 8 settembre 2015 ore 18.30

Una mostra dedicata a un tema strettamente collegato ad Expo: la civiltà contadina, le sue narrazioni, le sue leggende, la sua profonda crisi contemporanea.

La giovane artista Moira Ricci (Orbetello, 1977),  nata nella campagna maremmana, è sempre rimasta fedele alla cultura della sua terra, studiandone le tradizioni più antiche e radicate, approfondendone i significati simbolici e costruendo storie immaginarie intorno ad essa.

Impiegando la fotografia, il video, l’installazione come media privilegiati, Moira Ricci recupera vecchie immagini da album di famiglia e piccoli archivi privati, raccoglie testimonianze visive e sonore, riprende personali ricordi infantili per destinarli a nuovi significati. La sua opera, basata sulla attenta rielaborazione digitale di immagini esistenti e su riprese video di scene di vita quotidiana, sortisce un effetto di intenso realismo.

Nelle sue storie, spesso di impronta autobiografica, intreccia la propria identità individuale a quella della comunità a cui appartiene, studia il legame originario con il territorio, unisce l’invenzione tecnologica alla rivisitazione delle immagini popolari.

In questa mostra vengono raccolti e presentati insieme per la prima volta a Milano due grandi progetti recenti dell’artista: Da buio a buio, 2009-2015 (comprendente quattro storie: La bambina cinghiale, Il Lupo Mannaro, L’Uomo Sasso, I gemellini), e Dove il cielo è più vicino, 2014.

Nel primo progetto, il ciclo Da buio a buio, alcuni personaggi appartenenti alla comunità contadina e protagonisti dei racconti popolari vengono documentati dall’artista attraverso fotografie, riprese video, registrazioni sonore che danno vita a narrazioni totalmente costruite ma assolutamente “reali” nella verosimiglianza della realizzazione.

Nel secondo progetto, Dove il cielo è più vicino che comprende grandi fotografie a colori e due videoproiezioni, l’artista racconta della terra in crisi, sempre meno coltivata, immagina l’abbandono dei poderi da parte dei contadini impoveriti, delusi e oppressi da sentimenti di inadeguatezza alla vita contemporanea, che trasformano un trattore in astronave per andarsene dalla terra tanto amata e raggiungere il cielo.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Padiglione d’Arte Contemporanea di Ferrara e l’Associazione Culturale dello Scompiglio di Lucca.

 

MOIRA RICCI. Nata a Orbetello nel 1977, dopo aver studiato al Liceo Artistico di Grosseto, compie la sua formazione a Milano al Centro Bauer-ex Umanitaria e alla Accademia di Brera-Sezione Multimediale.

Tra i suoi principali lavori: Amore mio ti amo, 2001, Località Collecchio 26, 2001, A Lidiput, 2003, Custodia domestica, 2003, 20.12.53-10.08.2004,  2004-2014, Ora sento la musica, chiudo gli occhi sono ritmo. In un lampo fa presa nel mio cuore, 2007, Se il “The End” fosse stato tragico sarei stata più abituata alle delusioni d’amore, 2008, Per sempre con te fino alla morte, 2012, Da buio a buio, 2009-2015, Dove il cielo è più vicino, 2014.

Tra i premi ricevuti: Premio Riccardo Pezza, 2000; Location1’s International Residency Program, New York 2007; Premio Gallarate, 2009; Discovery Award, Rencontres Internationales de la Photographie, Arles, 2009.

Ha esposto in molte importanti sedi italiane e straniere, quali: Galleria d’Arte Contemporanea Laveronica,  Modica; Padiglione d’Arte Contemporanea, Ferrara; Galleria Artopia, Milano; Son Eun Art Space, Seoul; Museo MAMBO, Bologna; Futura Centre for Contemporary Art, Praga; Au Lieu Unique, Nantes; Le Festival d’Arts Visuels Images, Vevey; Centre Pompidou, Paris; White Box, New York; Location1’s gallery, New York; Viafarini, Milano; Palazzo Re Enzo, Bologna; Spazio Performatico ed Espositivo dello Scompiglio, Lucca.

 

Catalogo: Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2015, edizione bilingue inglese/italiano, con scritti di Emanuela De Cecco, Andrea Lissoni, Michele Manfellotto, Roberta Valtorta.

mostra ideata e realizzata dal Museo di Fotografia Contemporanea
promossa con Città Metropolitana di Milano, Comune di Cinisello Balsamo, Regione Lombardia e Triennale di Milano
grazie al sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo attraverso Arcus Spa, Società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo
con il contributo di UBI Banca Popolare Commercio & Industria, Geico Taiki-Sha, Associazione Amici del Museo di Fotografia Contemporanea
con la collaborazione di Fondazione Cineteca Italiana
sponsor tecnico Epson

 

Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2, Milano
dal 9 settembre al 18 ottobre 2015

Orari: martedì-venerdì 12-19.30; sabato-domenica 10-19.30. chiuso il lunedì
La biglietteria chiude alle ore 19

Biglietti: 6 intero
 € 4 ridotto per adulti oltre i 65 anni, minori da 6 a 18 anni, studenti universitari fino a 25 anni, Amici del Museo di Fotografia Contemporanea, possessori della tessera Fondazione Cineteca Italiana, soci Coop Lombardia, soci Cral Regione Lombardia, soci FAI, soci Touring Club, residenti a Cinisello Balsamo, visitatori del Mufoco in possesso del coupon di sconto, visitatori della Triennale di Milano in possesso del biglietto di ingresso;
ingresso gratuito per minori di 6 anni, portatori di handicap e accompagnatori, militari e forze dell’ordine, tesserati Icom, giornalisti con tessera dell’ordine in corso di validità, guide turistiche con patentino.

Acquista on line:

Ticketone_url_pos_4c

 

 


diritto di prevendita: € 1,50

 

VISITE GUIDATE GRATUITE
tutti i giovedì ore 18; tutti i sabati ore 11.
Prenotazione obbligatoria

E’ possibile concordare visite per gruppi. Costo: 70 euro a gruppo.

Prenotazione visite guidate: infoline TicketOne 199 75 75 13
Le visite guidate si terranno solo al raggiungimento minimo di 5 partecipanti

 

EVENTI SPECIALI
Proiezioni cinematografiche realizzate in collaborazione con Fondazione Cineteca Milano.

Giovedì 24 settembre ore 21
La rabbia di Pasolini di P.P.Pasolini, G. Bertolucci, Italia, 2008, b/n, 70’
Con una lettura critica di Michele Manfellotto
1963. Pier Paolo Pasolini, attraverso i cinegiornali «Mondo libero» di Gastone Ferranti e materiali reperiti in Cecoslovacchia, Unione Sovietica e Inghilterra, realizza un film di montaggio che analizza polemicamente i fenomeni e i conflitti sociali e politici del mondo moderno. Durante la fase di montaggio, Pasolini cede alla richiesta del produttore di trasformare il film in un’opera a quattro mani con Giovannino Guareschi, secondo lo schema giornalistico del “visto da destra visto da sinistra”. Pasolini deve quindi rinunciare a parte del film per lasciare spazio all’episodio di Guareschi. 2008. Partendo dal testo del poeta e dalla collezione di «Mondo libero», Giuseppe Bertolucci e Tatti Sanguineti provano a restituire all’opera di Pasolini i connotati del progetto originale aggiungendo parti tagliate.

Sabato 26 settembre ore 15
I racconti dell’età dell’oro di C. Mungiu, H. Höfer, I. Uricaru, R. Marculescu, C. Popescu, Romania, Francia, 2009, 100’
Storie di vita ordinaria in Romania sotto il regime comunista di Ceausescu. La visita dell’ispettore, la fotografia del leader da ritoccare, un maiale consegnato erroneamente vivo da tagliare, l’imbottigliamento dell’aria: cinque leggende urbane bizzarre, ridicole, commoventi in un film collettivo alla maniera della commedia italiana dei Risi e Monicelli. Lirico all’esordio, grottesco in materia di comunicazioni di massa, poi comico e surreale, l’umorismo della disperazione prende di mira l’obbedienza cieca, le acrobazie di un popolo che s’impone di soddisfare le richieste più arbitrarie. Tenendo presente la lezione del neorealismo, queste storie riescono a ridisegnare un mondo, mettendo in scena generazioni diverse e differenti reazioni, plaudendo in silenzio alla sana ironia dei giovani e scuotendo la testa rispetto alla follia dei vecchi, spesso masochista.

Proiezioni a ingresso libero con Cinetessera della Cineteca Italiana

 

This content is also available in: Inglese