EDU | PRÊT-À-PORTER lab

IN CORSO, LABORATORI

Il Servizio educativo del Museo non si ferma e crea appositamente per famiglie, grandi, bambini e ragazzi dei laboratori con la fotografia da replicare facilmente a casa.
Scarica la scheda PRÊT-À-PORTER lab

 

PUNTI DI VISTA… FAMILIARI
per famiglie / grandi e bambini

La casa è il luogo perfetto per organizzare una caccia al tesoro fotografica!
Ci avete mai pensato? Non sarà difficile… basta seguire queste semplici regole!

  1. Procuratevi una fotocamera. Può essere una macchina fotografica compatta ma anche uno smartphone andrà benissimo.
  2. Scegliete tra i giocatori un SUPEROCCHIO, cioè un giocatore che per quel turno andrà a caccia di un dettaglio da fotografare.
  3. Si comincia… tutti gli altri giocatori, i DETECTIVEdelloSGUARDO si mettono a contare fino a 20 mentre il SUPEROCCHIO, fotocamera alla mano, gira per casa alla ricerca di un dettaglio a scelta.
  4. Quando il SUPEROCCHIO ha scelto il suo dettaglio… CLICK! scatta una fotografia e controlla che sia salvata nella gallery.
  5. E’ il momento di tornare dai DETECTIVEdelloSGUARDO, che dopo aver osservato la fotografia devono andare in cerca del particolare fotografato. Esplorate, osservate, attivate la vostra super vista!
  6. Chi cerca trova… e una volta trovato il dettaglio, i DETECTIVEdelloSGUARDO rifanno la fotografia uguale uguale a quella scattata dal SUPEROCCHIO, che confronterà i risultati…

E per i SUPEROCCHI… ecco qualche consiglio:
– scegliete un dettaglio, qualcosa di piccolo ma non troppo, una superficie, un angolo, qualcosa di speciale che vedete solo voi!
– dopo averlo trovato, scegliete un punto di vista diverso dal solito. Dall’alto, dal basso, dal fianco, dal sopra o dal sotto.
– non avvicinatevi troppo al particolare altrimenti non riuscite a mettere a fuoco.

Ce la farete? Ricordate… l’importante è aguzzare la vista!
BUONA RICERCA!

Se volete, potete condividere le vostre fotografie postandole su Instagram @mufoco
#pretaporterlab #puntidivistafamiliari #mufoco #iorestoacasa #laculturanonsiferma

 

LA FINESTRA SUL CORTILE
per famiglie / grandi e ragazzi

Ogni casa ha un interno, che racconta di noi, e un esterno, che racconta storie sempre nuove.
Le avete mai osservate? La fotografia può aiutarci…

  1. Procuratevi quadernino, penna e fotocamera (macchina fotografica o smartphone)
  2. Fate una ricognizione della casa… Quante stanze ci sono? E quante finestre? Camminate a passi lenti, fermandovi davanti ad ogni finestra e iniziate a osservare verso l’esterno. Partite da quel che vi sta di fronte, poi spostate lo sguardo verso il basso e ora alzatelo. Avevate mai guardato con così tanta attenzione?
  3. Scegliete la vostra finestra preferita, che diventa il vostro punto d’osservazione privilegiato.
  4. Ora fate un passo indietro, verso l’interno della casa e provate a puntare l’obiettivo della fotocamera verso la finestra davanti a voi.
  5. Fate attenzione all’inquadratura: nella fotografia devono comparire sia il paesaggio esterno che la cornice della finestra. Solo così potremo davvero vedere cosa c’è là fuori! Fate in modo che l’esterno si veda bene, che non sia troppo chiaro: se la cornice della finestra è molto scura va bene lo stesso. 3-2-1… CLICK!
  6. Ora immaginate quali storie possono svolgersi proprio davanti ai vostri occhi, o magari quali si sono svolte davvero, o quali vorreste che si svolgessero. Quadernino e penna alla mano, annotate tutte le idee che vi passano per la testa… La fotografia diventerà così scenario e ambientazione dei vostri racconti.

 

Lasciate libera l’immaginazione e… attenzione a non sporgervi troppo!
BUONA OSSERVAZIONE!

Se volete, potete condividere le vostre fotografie e le vostre storie postandole su Instagram @mufoco
#pretaporterlab #lafinestrasulcortile #mufoco #iorestoacasa #laculturanonsiferma

 

MOSTRA DI FAMIGLIA
per famiglie / grandi, bambini e ragazzi

E’ ora di metter mano agli archivi fotografici di famiglia! Qualche cassetto custodirà polverosi  album appartenenti al passato… e se non li trovate potete provare con gli archivi digitali!

  1. Dove sono conservati i ricordi di famiglia? Bauli, armadietti, cassettiere o… pc e hard disk? Prima di tutto, dobbiamo cercare questo grande tesoro fotografico.
  2. Una volta trovato, rovesciate e rovistate per scovare fino all’ultima fotografia.
  3. Cominciate ora a sfogliare con calma quello che avete tra le mani. Immagini recenti, altre più vecchie e altre forse che non avevate ancora mai visto. Guardatele insieme oppure passatevele, lasciatevi trasportare dai ricordi, dalla bellezza, ridete, commuovetevi, lasciatevi sorprendere.
  4. Ora comincia la parte difficile… la selezione. Ognuno di voi può scegliere le sue fotografie preferite, da un minimo di 3 a un massimo di 5.
  5. E’ stato difficile? Come mai avete scelto proprio quelle? Provate a raccontare ad alta voce cosa vedete in quelle immagini, cosa rappresentano per voi e perché le avete scelte tra tante altre.
  6. Accostate tutte le fotografie che avete scelto e provate a dare un ordine: può essere cronologico, di somiglianza cromatica, di formato… o qualunque altro criterio.
  7. Una volta decisa l’organizzazione della vostra piccola collezione è il momento di esporla, almeno per un po’. Scegliete un muro, la libreria, una bacheca, i pensili della cucina, l’armadio del corridoio, il vetro della doccia… qualunque superficie vogliate dedicare a queste immagini e attaccatele (un po’ di scotch di carta sul retro non ha mai fatto male a nessuna fotografia, poi ricordatevi di toglierlo).
  8. Ammirate ora la vostra Mostra di Famiglia e fotografatela.
  9. Decidete quanto volete far durare la vostra mostra. Al termine del tempo che avete stabilito staccate con cura tutte le immagini che avete esposto e riponetele in ordine insieme alle altre, perché possano tornare a fare parte del vostro patrimonio di famiglia.

Siate curiosi e scoprirete un tesoro importantissimo.
BUONA VISIONE!

Se volete, potete condividere le fotografie delle vostre mostre di famiglia postandole su Instagram @mufoco
#pretaporterlab #mostradifamiglia #mufoco #iorestoacasa #laculturanonsiferma

 

Foto di copertina
Guido Guidi, Preganziol, Treviso, 1981
Fondo Viaggio in Italia, © Guido Guidi – Museo di Fotografia Contemporanea, Milano-Cinisello Balsamo